Asilo Nido Arcobaleno

[15 giugno 2021] Pubblicata la graduatoria per il prossimo anno educativo: tutte le domande sono state accolte!

GRADUATORIA DI AMMISSIONE A.E. 2021-2022

CALENDARIO A.E. 2021-2022

Rimane possibile presentare domanda di iscrizione in qualunque momento, scrivi a: asili.nido@comune.thiene.vi.it

 
 




struttura: 0445804935

ufficio: 0445804733

per info: asili.nido@comune.thiene.vi.it

L’ Asilo Nido Arcobaleno è un servizio educativo pubblico orientato alla fascia di età 0-3, con l’obiettivo di:

  • accompagnare lo sviluppo della personalità (identità) di ciascun bambino, in tutte le sue componenti (fisiche e motorie, emotive e cognitive, etiche e sociali)
  • stimolare l’integrazione sociale in collaborazione con le famiglie
  • promuovere fra gli adulti una cultura della prima infanzia, in collaborazione con i servizi territoriali (socio-sanitari e scolastici)

L’ Asilo Nido consente ai genitori l’affidamento e la cura dei figli a figure diverse da quelle familiari, portatrici di competenza professionale e specifici titoli di studio.

Gestore:


 

Realizzata per offrire alle famiglie uno strumento informativo pratico ed esaustivo:

Carta del Servizio Asilo Nido Arcobaleno

Con la domanda di iscrizione i genitori devono ESPRIMERE UNA PREFERENZA rispetto all’inserimento (a partire da quando) ed al tempo di frequenza (orario pieno o ridotto).

MODULO UNICO DI ISCRIZIONE AL NIDO ARCOBALENO (nuovo)
La domanda può essere spedita via email all’indirizzo asili.nido@comune.thiene.vi.it,
in alternativa, va presentata in Municipio, all’Ufficio Servizi alla Persona e alla Famiglia, che le raccoglie durante tutto l’anno negli orari di apertura al pubblico.

All’atto dell’iscrizione è richiesto il versamento di una quota di 15 euro, da versare sul conto corrente intestato a “Tesoreria – Comune di Thiene” (presso INTESA SAN PAOLO, Filiale di Padova),
codice IBAN: IT14O0306912117100000046267.
Le famiglie residenti a Thiene possono allegare il proprio
ISEE per beneficiare delle agevolazioni previste dal piano tariffario.
Con l’indicazione del mese di inserimento richiesto si sceglie per quale graduatoria concorrere (giugno o dicembre).
Il termine ultimo per poter concorrere ad una graduatoria (o per produrre la documentazione) è
il mese precedente a quello in cui viene approvata.

La GRADUATORIA ORDINARIA viene approvata dal Comitato di Gestione nel mese di GIUGNO: vengono assegnati tutti i posti disponibili per l’inizio del nuovo anno educativo (indicativamente a partire dalla prima settimana di settembre). La graduatoria è pubblicata sul sito, a tutte le famiglie viene comunicato l’esito.
Gli inserimenti dei nuovi iscritti vengono scaglionati in più settimane: ogni famiglia riceve comunicazione della propria data ed è tenuta a rispettarla.
Le domande non ammesse formano una
LISTA D’ATTESA, che viene utilizzata per i SUBENTRI (cioè per riassegnare i posti che si liberano nel corso dei mesi successivi). Quando si verifca un ritiro, l’Ufficio contatta tempestivamente la famiglia con il punteggio migliore per concordare un’ammissione in tempi brevi (nel giro di 1-2 settimane).
Il Comitato approva
in dicembre una GRADUATORIA AGGIORNATA, che sostituisce la precedente lista d’attesa per assegnare i posti liberi nel periodo da gennaio a maggio.
A questa seconda graduatoria concorrono le domande raccolte nel secondo semestre dell’anno e quelle rimaste in lista d’attesa.

 

Il nido Arcobaleno è aperto dal lunerdì al venerdì, l’anno educativo comincia generalmente con la prima settimana di settembre, e termina a fine luglio.

calendario Nido Arcobaleno a.e. 2021-2022 (prossimo) [novità]


calendario Nido Arcobaleno a.e. 2020-2021 (corrente)

Le tariffe del servizio sono deliberate annualmente dalla Giunta comunale.

TARIFFE asilo nido arcobaleno 2021-2022  (invariate)

 

calcolo della agevolazione tariffaria per le famiglie residenti:

calcolorettaNidoArcobalenoTH 2021-22

potrebbe interessarti: Bonus Nido

La retta del nido Arcobaleno viene calcolata dall’Ufficio alla fine di ciascun mese di frequenza, e comunicata alle famiglie via Kindertap (nell’area Download).

Il termine per il pagamento è il giorno 20 del mese successivo.

Coordinate bancarie della Tesoreria Comunale, per il versamento delle rette e delle quote di iscrizione:

1. conto corrente bancario presso Intesa San Paolo,
iban: IT 14 O 03069 12117 100000046267    [preferibilmente]

2. conto corrente postale presso Poste Italiane,
iban: IT 24 U 07601 11800 000017964362

 

La partita iva del Nido Arcobaleno coincide con quella del Comune di Thiene:  00170360242

QUI le istruzioni dettagliate per i beneficiari del bonus asilo nido.

Ordinanza del Ministro della Salute in data 12 marzo 2021

DPCM 2 marzo 2021
(cfr. in particolare art. 43: in zona rossa i servizi educativi per l’infanzia sono sospesi)


Linee di indirizzo gestione contatti di casi COVID-19 a scuola (Rev. 03 del 7-2-2021)


Ordinanza del Presidente della Giunta Regione Veneto, n. 2 del 04.01.2021Allegato 1: Linee di indirizzo per la Gestione dei contatti di casi di COVID-19 all’interno delle scuole e dei servizi per l’infanzia (rev. 02)

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 148 del 31/10/2020
Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da virus COVID-19. Ulteriori disposizioni.

ALLEGATO A – PROTOCOLLO D’INTESA APPROVATO IN SEDE DI COMITATO REGIONALE DELLA MEDICINA GENERALE IN DATA 30/10/2020

 

Ordinanza del Presidente della Giunta Regione Veneto, n. 105 del 02.10.2020Allegato 1: Linee di indirizzo per la gestione dei contatti di casi confermati di COVID-19 all’interno delle scuole e dei servizi per l’infanzia

grafica semplificata per famiglie e scuole/asili (flowchart)

 

Circolare della Direzione Prevenzione della Regione Veneto, prot. 345038 in data 02.09.2020

Rapporto ISS COVID-19 n. 58/2020 Rev. – Indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 nelle scuole e nei servizi educativi dell’infanzia. (Versione del 28 agosto 2020)

DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA RIAPERTURA DEI SERVIZI EDUCATIVI (linee guida 0-6 MIUR 3 ago 2020)

LINEE DI INDIRIZZO PER LA RIAPERTURA DEI SERVIZI EDUCATIVI (Ordinanza PGR Veneto n. 84 del 13 agosto 2020)

patto di responsabilità reciproca fra gestore e genitori utenti

Finalità e obiettivi

I Servizi educativi di Azalea affrontano il percorso verso l’autonomia dei singoli bambini ispirandosi alla pedagogia della relazione: la sperimentazione delle competenze relazionali è inserita in un contesto che vuole ispirare benessere, accoglienza emotiva e attribuzione di senso.

L’educatore adulto si propone come riferimento affettivo e di ascolto, sostiene e stimola ciascun bambino, media l’esperienza quotidiana accompagnandola attraverso i tempi e i linguaggi delle diverse attività; si valorizzano le relazioni spontanee fra coetanei, come i processi imitativi e la graduale percezione di una dimensione di gruppo.

Le altre direttrici fondamentali sono la cura del rapporto con la famiglia, riconosciuta parte attiva e integrante del percorso educativo e del progetto, e un orientamento collaborativo alle costruzioni sociali del territorio, per contribuire a promuovere attivamente la diffusione di una cultura dell’infanzia condivisa e consapevole.

Riferimenti metodologici

Le nostre proposte e strategie organizzative fanno riferimento in particolare agli studi più accreditati della Psicologia delle Relazioni Oggettuali, della Psicologia del Sé (H.Kohut), e delle teorie della separazione e dell’attaccamento. I modellieducativi di Azalea prendono le mosse da accreditati studi pedagogici: sugli stadi di sviluppo (J. Piaget) e di crisi (E.Erikson); sulle intelligenze multiple (H. Gardner); sullo sviluppo del linguaggio (I. Vygotskij); infine sui principi di costruzione dello spazio educativo, e sul modello di predisposizione, scelta e utilizzo dei giocattoli (M. Montessori).

La relazione educativa

Il perno fondamentale di questa proposta educativa è la sinergia continua nel lavoro dell’educatore tra il pensare, l’osservare e il mettersi in relazione con il bambino, rispettandone i tempi e livelli evolutivi.

La relazione, stare con e non accanto, può essere considerata momento originario della cura, attraverso cui l’evoluzione non è imposta ma sollecitata ad affiorare, con il contributo attivo dei bambini e di ciò che è già presente in loro.

Riteniamo importante pensare e strutturare delle modalità educative indirette, che non anticipino o si sostituiscano mai al bambino: cerchiamo di lavorare sul contesto privilegiando le azioni indirette agli interventi, lasciando spazi e tempi destrutturati affinché i bambini possano contribuire in forma positiva.

Questo lavoro si declina collettivamente: viene studiato in équipe, trasmesso nelle riunioni durante l’anno e con la formazione continua, in un’ottica di elaborazione continua dell’esperienza.

Le relazioni tra pari

Sono un fattore primario per la maturazione e lo sviluppo globale del bambino; per questo favoriamo i giochi che stimolano la collaborazione e la cooperazione, in cui l’educatore assume un ruolo osservativo, di facilitatore.

Accoglienza e ricongiungimento

È il nostro concetto ispiratore nell’allestimento degli ambienti: facciamo in modo che i bambini si sentano attesi, accolti come soggettività uniche, ma anche come parte di un contesto sociale, che man mano prenderà forma. Questo contesto non si vuole esclusivo rispetto alla famiglia: i genitori accompagnano i propri figli bambino vivendo le proprie emozioni; giornalmente i bambini sono protetti ma liberi di conoscere ed esprimere piacere e dispiacere, fra accoglienza e separazione.

Nello spazio del nido tutti i ruoli sono in qualche modo anche ospiti.

Il passaggio tra la realtà dell’asilo e quella esterna implica variazioni di relazioni, bisogni, oggetti, spazi, e tempi, tutti individuali. L’educatore fa in modo che i genitori possano condividere le esperienze fatte quotidianamente, e riprendere contatto all’interno dello spazio mentre il bambino è ancora impegnato nel suo gioco. Anche l’uscita rispetta una sua routine, nel rispetto del gruppo permette ai bambini di rallentare il ritmo, senza interromperruzioni brusche.

I campi di esperienza, le attività

Nel corso dell’anno vengono proposti 5 percorsi di senso: identità personale e vivere insieme – sviluppo del senso del tatto e del movimento – espressività e creatività – oralità, comunicazione, memoria – la scoperta del mondo.

Dispositivi educativi

Un insieme organizzato di elementi espliciti e impliciti che concorrono a strutturare il contesto (materiale, regole, spazio, metodologia…) e le pratiche educative. Come ad esempio i laboratori e le attività strutturate, le routine quotidiane, il gioco libero e i contesti di gioco strutturato.

Ogni attività ha degli obiettivi per fascia d’età che vengono condivisi con i genitori grazie alle mappe concettuali presentate in bacheca.

Gli spazi educativi

Gli spazi educativi sono pensati per offrire ai bambini opportunità di manifestare la propria personalità, per facilitarne l’apprendimento autonomo e il protagonismo. Consideriamo l’ambiente comeil terzo educatore’. I locali non esprimono una istituzione, ma sono pensati per comunicare come una casa.

Progettazione dei tempi

La progettazione delle attività è, per quanto possibile, indiretta e individualizzata. Nella dimensione temporale si sperimentano il ritmo, le abitudini, la quotidianità, ma anche l’imprevisto, la regressione, l’anticipazione. L’attitudine osservativa dell’educatore diventa protezione dei tempi, dei livelli evolutivi di ciascun bambino e dei tempi del gruppo. Un buon lavoro si sviluppa sull’equilibrio precario tra ripetizione e novità, continuità e discontinuità, attesa e soddisfazione. Léquipe educativa ogni anno predispone e ripensa ai tempi dedicati alle routine, al gioco libero e strutturato e alle attività laboratoriali.

I materiali

I materiali e giochi vengono scelti con cura. La ricerca dei materiali è un’operazione di fondamentale importanza in quanto permette una riflessione continua sull’approccio pedagogico messo in atto, sulle sue potenzialità e criticità. Nei nidi Azalea si prediligono i materiali di origine naturale e de-strutturati: i bambini possono esprimere la propria creatività, immaginando e costruendo loro stessi dei giochi, scegliendo quali materiali utilizzare e come, adattandoli a proprio piacimento e lasciandosi andare a ricerche compositive, estetiche, progettuali anche inconsuete, trasgressive e impertinenti.

Per un nido inclusivo

Azalea elabora – in collaborazione con la famiglia e con i servizi del territorio – un progetto specifico in relazione alla specifica situazione di disagio individuata (PEI).

Manteniamo l’ambiente privo di barriere architettoniche per favorire l’accessibilità e la permanenza dei soggetti diversamente abili all’interno della struttura. Garantiamo un impegno costante degli educatori nella collaborazione con i servizi territoriali per il monitoraggio e il raccordo degli interventi.

In questi casi: si organizza un secondo incontro individuale con i genitori e con la figura professionale di riferimento; si effettua una scansione delle tempistiche per l’ambientamento, concordata con i genitori; viene predisposta una scheda di osservazione per gli educatori personalizzata; l’équipe studia la possibile ridefinizione degli ambienti; è prevista una formazione ad hoc per l’educatore di riferimento.

Coinvolgimento e partecipazione delle famiglie

Creare un’alleanza educativa significa instaurare con le famiglie un patto di fiducia reciproca e di dialogo. Le famiglie entrano fisicamente nel nostro nido. Le sezioni contengono spazi che invitano i genitori ad una breve sosta; gli educatori si prestano a colloqui individuali anche fuori dai tempi canonici; vengono organizzate serate formative e laboratori, feste e merende con le famiglie.

I principali incontri con i genitori: riunione di inizio anno (benvenuto, informazioni pratiche, condivisione degli obiettivi pedagogici) – assemblea di settembre (presenta il programma dell’anno educativo diviso per sezioni) – merenda di luglio con i genitori dei nuovi iscritti, presentazione degli spazi – assemblea di giugno (restituzione dei questionari di qualità, verifica sull’anno educativo trascorso) – riunioni specifiche con specialisti – colloqui individuali di ambientamento per i nuovi iscritti (dopo circa un mese e mezzo dall’inserimento del bambino) – colloqui individuali con l’educatore di riferimento per una restituzione complessiva dell’anno educativo.

UN GIORNO AL NIDO Da marzo a giugno, i genitori avranno la possibilità, in accordo con la coordinatrice, di trascorrere una giornata al nido e sperimentare tutte le attività insieme ai bambini.

FESTE Tutti gli anni si organizzeranno delle feste da concordare con l’équipe comunale che vedrà coinvolte le famiglie e i bambini.

Monitoraggio qualitativo dell’offerta educativa

Collaborano nel monitoraggio: (1) responsabile di filiera garante del progetto nel suo complesso e referente per l’Appalto, (2) coordinatore pedagogico e comitato scientifico garante della qualità pedagogica del Servizio, (3) coordinatore interno garante della gestione operativa del Servizio.

Principali strumenti di valutazione: SVANI, questionario di soddisfazione delle famiglie, questionario di soddisfazione del committente, questionario di soddisfazione del personale.

Festa della famiglia

Pomeriggio in giardino, con giochi e laboratori per i bambini del Nido

Aperitivo pedagogico

Ciclo di 2 incontri formativi virtuali per i genitori del Nido

 

Il nido Arcobaleno è un servizio pubblico a domanda individuale che il Comune di Thiene eroga agli utenti che ne fanno richiesta. In quanto tale, gli aspetti fondamentali dell’organizzazione e della gestione sono disciplinati a livello regolamentare, come ad esempio l’elezione e le funzioni del Comitato di gestione, i criteri di accesso (graduatoria per l’ammissione alla frequenza), la compartecipazione al costo da parte delle famiglie utenti.

Regolamento degli Asili nido comunali

Per effetto del Decreto-legge 7 giugno 2017, n. 72, il rispetto degli obblighi vaccinali è diventato un requisito per l’ammissione all’asilo nido.

Ai genitori/tutori/affidatari non è più richiesto di presentare, all’atto dell’iscrizione, la documentazione sulle vaccinazioni. Infatti, le ASL trasmettono direttamente alle Scuole le informazioni contenute nelle anagrafi vaccinali informatizzate (cd. regime semplificato, art. 3-bis).

Per approfondimenti/aggiornamenti, si rimanda al portale sulle Vaccinazioni curato dal Ministero della salute

 

il Diario del Nido, le foto delle attività, le comunicazioni: direttamente sullo smartphone dei genitori
Un nuovo mezzo che “estende” la comunicazione quotidiana con le famiglie. Le educatrici possono condividere facilmente le informazioni più importanti per ogni singolo bambino e compilare, giorno per giorno, la sua scheda personale: con foto, informazioni sulle attività della giornata, i pasti, gli spuntini e i sonnellini. La scheda può essere consultata dai genitori direttamente da casa o dal lavoro, tramite Internet, con una semplice App per smartphone e tablet (iPhone, iPad, Android e Windows Phone). https://youtu.be/T4Ek3t78xwc
nidoArcobaleno_informativa sul trattamento dei dati personali (GDPR)

 


opposizione all’utilizzo delle spese per il nido nella dichiarazione dei redditi precompilata

(dal sito dell’Agenzia delle Entrate)

L’asili nido è tenuto a trasmettere annualmente all’Agenzia delle entrate le spese sostenute per la frequenza dagli utenti (DMEF 30 gennaio 2018).

I genitori che hanno sostenuto le spese per le rette, possono decidere di non rendere disponibili all’Agenzia delle Entrate i dati di tali spese e dei relativi rimborsi ricevuti e di non farli inserire nella propria dichiarazione precompilata. È comunque possibile inserire le spese per le quali è stata esercitata l’opposizione nella successiva fase di modifica o integrazione della dichiarazione precompilata, purché sussistano i requisiti per la detraibilità delle spese relative alle rette per la frequenza degli asili nido previsti dalla legge.
L’opposizione all’utilizzo delle spese per la frequenza degli asili nido può essere esercitata, entro il 28 febbraio 2021, comunicando le informazioni con l’apposito modello di richiesta opposizione – pdf

La comunicazione può essere effettuata:

 

Photo Gallery