FSA-COVID 3 : Contributo regionale per l’affitto 2021 riservato a famiglie con redditi ridotti a causa dell’emergenza Covid19

fonte: portale Regione Veneto

La Regione Veneto ha previsto anche quest’anno uno speciale contributo per il pagamento dell’affitto corrente, riservato alle famiglie che hanno subito una riduzione significativa del proprio reddito a causa del protrarsi dell’emergenza Covid.

COME E QUANDO FARE DOMANDA

Termini per la presentazione delle domande FSA-Covid3:

da giovedì 18 novembre fino alle ore 23:59 di venerdì 10 dicembre 2021

La domanda si presenta solo online, a questo link:

https://veneto.welfaregov.it/landing_pages/fsa_covid3/index.html

Non saranno prese in considerazione le domande presentate con modalità diverse.

Alla domanda deve essere allegata copia del documento di identità, e deve indicarsi il codice IBAN di un conto corrente intestato al richiedente.

clicca QUI per le ISTRUZIONI per la compilazione della domanda

clicca QUI per le domande frequenti (FAQ)

REQUISITI DI ACCESSO

(devono sussistere in capo al richiedente, alla data di presentazione della domanda)

  • contratto di locazione registrato ai sensi delle leggi 27 luglio 1978 n. 392, 8 agosto 1992 n. 359, art. 11 commi 1 e 2 e 9 dicembre 1998 n. 431;

  • residenza nel Veneto;

  • (per i cittadini extracomunitari) possesso di titolo di soggiorno e dei requisiti per l’ingresso e la permanenza in Italia, senza essere destinatari di provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale o revoca del permesso di soggiorno o diniego al rilascio o rinnovo dello stesso;

  • DSU ai fini ISEE (2021) + DSU ISEE Corrente resa entro il 3 dicembre;

  • che nel 2021 si sia verificata una riduzione del reddito del nucleo familiare (ISR) superiore al 30% rispetto a quello dell’anno ante pandemia (anno 2019)

  • non aver riportato una o più condanne per delitti non colposi puniti con sentenza passata in giudicato (L.R. 16/2018).

CONDIZIONI DI ESCLUSIONE

  • diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di alloggi o parte di essi per un valore complessivo imponibile ai fini IMU superiore a 40.000,00 Euro. Tale esclusione non opera nel caso in cui, per disposizione dell’autorità giudiziaria, l’alloggio sia dato in godimento al coniuge separato o nel caso in cui, per legge, spetti al genitore superstite il diritto di abitazione;

  • contratto di locazione stipulato tra parenti o affini entro il secondo grado;

  • residenza in alloggio di edilizia residenziale pubblica o in alloggio a canone di locazione agevolato determinato in base alla situazione economica;

  • domanda già presentata da altri componenti del nucleo familiare o contitolari del contratto di affitto;

  • ISEE inferiore a 6.000,00 euro o superiore a 35.000,00;

  • ISP (indicatore della situazione patrimoniale) superiore a 35.000,00;

  • domanda priva di firma, documentazione allegata non valida, illeggibile o incompleta.


MISURA DEL CONTRIBUTO

Il contributo varia da 800,00 Euro a 300,00 Euro in funzione della perdita subita, calcolata con la seguente formula:

% perdita di reddito = (ISR – ISR corrente) / ISR

GRADUATORIA

Le domande raccolte formeranno una graduatoria in ordine decrescente di punteggio, così calcolato:

Punteggio = (ISR – ISR corrente) / ISR * 100.000

Il pagamento del contributo sarà effettuato scorrendo la graduatoria sino ad esaurimento dello stanziamento.

A parità di punteggio sarà data priorità alle famiglie più numerose o con persone disabili.


Riferimenti normativi (per saperne di più)